La Scuderia Maranga fa uno step importante a Jerez

Dopo un sabato difficile Perez chiude settimo in gara 2 mentre Sanchez, fantastico nella gara di recupero, è costretto al ritiro a causa di un contatto in partenza. Marangoni: “Non abbiamo ancora espresso il nostro reale valore”

Superpole
Nella sessione di qualifica Mika Perez con un crono di 1’54.175 si è piazzato in diciassettesima posizione, a un secondo dalla pole position. L’altro pilota della Scuderia Maranga Racing, Borja Sanchez, ha avuto problemi tecnici e non ha centrato l’accesso diretto a gara 1. Costretto a partire dal retro della griglia di partenza della Last Chance Race – la gara che consente di “recuperare” i sei migliori piloti – grazie al lavoro del team che in poche ore ha riparato la moto e dato al pilota un mezzo in ottime condizioni, Sanchez ha portato a termine il suo capolavoro. Partito dalla 24° posizione è riuscito addirittura a vincere, conquistando l’accesso a gara 1 che si è svolta alle 17.00 di sabato.

Gara 1
Gara difficile per Mika Perez e Borja Sanchez, scattati rispettivamente dalla 20° (a causa di una penalità di 3 posizioni inflitta per comportamento non regolamentare in qualifica) e 30° casella sulla griglia di partenza. Partire da dietro non é mai facile, ma i due piloti della Scuderia Maranga Racing si sono fatto strada in mezzo al gruppo compatto che caratterizza le gare della Supersport 300.

In una corsa piena di sorpassi, il numero 8 ha combattuto tra il 16° e il 21° posto. Grazie a una veloce seconda parte di gara, quattro sorpassi hanno consentito a Perez di concludere in diciassettesima posizione, appena fuori dalla zona punti. Borja ha invece concluso 23esimo a 10 secondi dal leader.

Gara 2
In gara 2, svoltasi nel tradizionale orario della domenica e interrotta per una bandiera rossa, Perez è riuscito a rimontare dalla diciassettesima posizione fino alla settima con una grande serie di sorpassi. Sfortunato l’altro pilota della Scuderia Maranga Borja Sanchez caduto sia dopo la prima che dopo la seconda partenza a causa di due contatti che gli hanno impedito di lottare per un buon risultato.

 

GARA 1 P17 – GARA 2 P7
Il fine settimana è stato difficile perchè sulla moto non avevo ottime sensazioni, ma con una bella partenza sono riuscito a mettermi nel gruppo in lotta per entrare nella top 10. All’ultimo giro con un bel sorpasso sono riuscito a conquistare la settima posizione. Secondo me questo weekend è mancato qualcosa in qualifica per stare nel primo gruppo, ma devo ringraziare il team che ha fatto un ottimo lavoro.

GARA 1 P23 – GARA 2 DNF
Oggi mi hanno toccato sia alla prima partenza che alla seconda e sono caduto entrambe le volte. In gara non sono riuscito neanche a fare un giro in totale, non so veramente cosa dire. Alla seconda curva, dopo la bandiera rossa, ho visto soltanto un lampo verde che mi è venuto addosso e non ho potuto fare niente. Lavoriamo duro tutto il weekend e a casa per arrivare pronti alla gara e non si può rovinare tutto così.

Nom riusciamo a fare un lavoro lineare nella preparazione della gara, siamo ancorati al pensiero di questo inverno quando il regolamento era diverso. Qui però abbiamo fatto un bello step in avanti soprattutto a livello di mentalità. Credo che da Misano in avanti saremo ancora più competitivi e vorremmo continuare il trend di crescita. Se abbiamo fatto la pole con il record della pista a Imola vuol dire che il pacchetto è buono. Purtroppo però ogni gara succede qualcosa, questa volta Borja è stato fatto cadere due volte, siamo sfortunati e non abbiamo fatto vedere tutto il nostro potenziale.


PROSSIMA GARA

Round 7: 21-23 giugno 2019, Pata Riviera Di Rimini Round – Misano World Circuit “Marco Simoncelli” (ITA)

Le gare saranno trasmesse in diretta su Sky Sport MotoGP HD ed Eurosport, in chiaro su TV8.